Ti diamo tanti contenuti. Senza pubblicità. Senza spiarti. Dai una mano. Grazie.

Home > Indice Biografie > Biografia di Grazia Deledda

Grazia Deledda
Autore: Grazia Deledda
Nome originale: Maria Grazia Cosima Deledda
Nazione: Italia
Nato nel: 1871
Morto nel: 1936
Nato a: Nuoro
Morto a: Roma
Correnti letterarie: Verismo
Biografia di: Franca Fontana
Biografia vocale: Ascolta
Pubblicato il: 2011-05-06
:

4500 visualizzazioni

Un premio Nobel ricevuto. Ed è stata la prima donna a riceverlo. Chi era veramente Grazia Deledda?


Maria Grazia Cosima Deledda, (Nuoro 1871 - Roma 1936), scrittrice, considerata un'esponente della corrente verista italiana.
Nacque a Nuoro il 27 settembre 1871, quarta di sei figli, da Giovanni Antonio Deledda e da Francesca Cambosu, in una famiglia della piccola borghesia isolana.
Nonostante la sua passione per lo studio, frequentò solo le scuole elementari, come allora era usuale per le ragazze. La sua profonda volontà di cultura la spinse ad ampliare la sua formazione attraverso letture personali. Gli autori da lei preferiti furono Giosuè Carducci, D'Annunzio, ed molti autori francesi e russi.
Incominciò da giovanissima a scrivere racconti ricchi di fantasia e di un certo sentimento popolare, come storie di rapimenti, di vendetta, di amori romanzeschi.
Nel 1892 pubblicò "Fior di Sardegna", il suo primo romanzo; nel 1895 "Anime oneste"; nel 1896 "Le vie del male"; nel 1897 "Il Tesoro": tutti romanzi permeati da un forte regionalismo, ma a differenza degli innumerevoli lavori giovanili, in esse va precisandosi meglio il suo stile, caratterizzato da una impostazione narrativa semplice e immediata, in cui finezza e verità scavano nelle pieghe psicologiche dell'amore.
Importante per la Deledda fu l'amicizia con Luigi Capuana, che seppe sollecitarla a raggiungere una conoscenza più approfondita di sé orientandone letture e riflessioni.
L'11 gennaio 1900 sposò Palmiro Madesani, un funzionario statale, conosciuto a Cagliari mentre si trovava presso una famiglia di amici. Nell'aprile dello stesso anno si trasferirono a Roma. Dalla loro unione nacquero due figli: Franz e Sardus.
La distanza dalla Sardegna rese per lei remote le atmosfere isolane, volgendola verso accostamenti e intuizioni più essenziali, più vicine al libero svolgimento della vita. La sua arte si affinò, assumendo un più netto vigore espressivo.
La vita di Grazia Deledda non fu particolarmente movimentata: scelse di dedicarsi interamente alla scrittura, e fu molto feconda dal punto di vista letterario, poiché la pubblicazione dei suoi romanzi avveniva quasi con annuale puntualità.
Fra le sue opere principali ricordiamo: "Elias Portolu" (1903) (ne abbiamo l'audiolibro), "Cenere" (1904), da cui fu tratto un film interpretato da Eleonora Duse, "Canne al vento" (1913) (ne abbiamo l'audiolibro), il romanzo più letto e tradotto della Deledda, un titolo che fa subito pensare alla terra di Sardegna, isola spazzata dai forti venti che giungono dal mare, simili alle difficoltà della vita e al destino impietoso, che travolgono gli uomini come fossero deboli "canne". Poi abbiamo opere come "Le colpe altrui" (1914), "Marianna Sirca" (1915), "La madre" (1920), "Il segreto dell'uomo solitario" (1921), "Annalena Bilsini" (1927), "Il vecchio e i fanciulli" (1928), "Il paese del vento" (1931).
Scrisse testi teatrali ed anche raccolte di novelle: "Chiaroscuro" (1912) è la più importante.
Va ricordato anche un volume di poesie "Paesaggi sardi".
Nel 1926 ottenne il Premio Nobel per la letteratura: è una delle poche donne ad essere stata premiata con questo ambito riconoscimento.
Morì a Roma il 15 agosto 1936, dopo un anno di dolorosa malattia.
Nel 1937 fu pubblicato postumo un romanzo autobiografico dal titolo "Cosima" (ne abbiamo l'audiolibro), secondo nome dell'autrice, scritto in terza persona.

Grazia Deledda, mediante una visione della vita piena di umana pensosità e di tristezza scaturita dalla vita stessa dei sentimenti e delle passioni, descrisse in tutte le sue opere, in maniera realistica, i paesaggi, i costumi, i caratteri tipici della sua amatissima isola. Una terra che offre ai suoi abitanti una vita dura ed un lavoro aspro, ma che splende ancora oggi di una primitiva e incontaminata bellezza.

Galleria di immagini

Audiolibri di: Grazia Deledda
Canne al vento
Romanzo
Audiolibro del romanzo "Canne al vento" del premio Nobel Grazia Deledda.
Cosima
Romanzo autobiografico
Audiolibro del romanzo "Cosima" del premio Nobel Grazia Deledda.
Elias Portolu
Romanzo
Audiolibro del romanzo "Elias Portolu" della scrittrice Grazia Deledda.
Il Flauto nel bosco
Raccolta di racconti
Audiolibro della raccolta di racconti "Il Flauto nel bosco" della scrittrice Grazia Deledda.
La chiesa della solitudine
Romanzo
Audiolibro del romanzo "La chiesa della solitudine" della scrittrice Grazia Deledda.
Il fanciullo nascosto
Raccolta di racconti
Audiolibro della raccolta di racconti "Il fanciullo nascosto" della scrittrice Grazia Deledda.
Racconti sardi
Raccolta di racconti
Audiolibro dei "Racconti sardi" della scrittrice Grazia Deledda.
I libri catalogati di Grazia Deledda:
Amori Moderni
Canne al vento (1913)
Canne Al Vento
Cenere (1904)
Chiaroscuro
Colombi e sparvieri (1912)
Colombi E Sparvieri
Cosima (1937)
Cosima
Elias Portolu (1903)
Elias Portolu
Fior Di Sardegna
I giuochi della vita
Il Cedro Del Libano
Il Dono Di Natale
Il fanciullo nascosto
Il Fanciullo Nascosto
Il Flauto nel bosco
Il Flauto Nel Bosco
Il Nonno
Il paese del vento (1931)
Il Paese Del Vento
Il ritorno del figlio
Il Sigillo D'Amore (1926)
Il Vecchio Della Montagna
L'Edera
L'incendio nell'oliveto
L'Incendio Nell'Uliveto
L'Ospite
La Casa Del Poeta
La chiesa della solitudine (1936)
La Chiesa Della Solitudine
La Giustizia
La Madre
La Regina Delle Tenebre
La Via Del Male
La Vigna Sul Mare
Le colpe altrui (1914)
Le Tentazioni
Leggende Sarde
Marianna Sirca
Nel Deserto
Nell'Azzurro
Novelle Volume Primo
Novelle Volume Quarto
Novelle Volume Quinto
Novelle Volume Secondo
Novelle Volume Sesto
Novelle Volume Terzo
Racconti sardi
Racconti Sardi
Sole D'Estate
Citazioni di Grazia Deledda:
L'amore è quello che lega l'uomo alla do... [leggi]
Mutiamo tutti, da un giorno all'altro, p... [leggi]
Possibile che non si possa vivere senza... [leggi]
[NDR|Eugène Sue] Quel gran... [leggi]
Tutti siamo impastati di bene e di male,... [leggi]
«Adattarsi bisogna» disse Efix versandog... [leggi]
«E perché nascere?»«Oh bella, perc... [leggi]
«E le mie padrone? Non s'accorgono?»... [leggi]
[...] l'amore è quello che lega l'[[Uomo... [leggi]
«Il rimedio è in noi» sentenziò la vecch... [leggi]
Un uomo libero è sempre adatto per una d... [leggi]
E come i bambini ed i vecchi si mise a p... [leggi]
La vita passa e noi la lasciamo passare... [leggi]
Efix mangiava e raccontava, con parole i... [leggi]
«Siamo nati per soffrire come Lui; bisog... [leggi]
Gli eroi della Deledda non hanno mai alc... [leggi]
Il metodo narrativo della Deledda consis... [leggi]
La signorina Deledda fa benissimo di non... [leggi]
Così ci fermiamo al Dazio, la casetta de... [leggi]

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No